• Home
  • Archivio
  • "ALESSANDRO PIERONI DALL’IMPRUNETA E I PITTORI DELLA LOGGIA DEGLI UFFIZI”
Flag of France.svg   Flag of Germany.svg   Flag of the United Kingdom.svg

“ARTE A FIGLINE. DAL MAESTRO DELLA MADDALENA A MASACCIO”

arte a figline valdarnoMostra 16 ottobre 2010- 16 gennaio 2011, Figline Valdarno, Palazzo Pretorio

Nella mostra allestita nel Palazzo Pretorio di Figline, il curatore Angelo Tartuferi ha studiato un'esposizione in grado di mettere in risalto gli esemplari culturalmente più elevati della produzione pittorica e scultorea di Figline Valdarno e delle aree limitrofe nel periodo tra la seconda metà del Duecento e la prima metà del Quattrocento. Tra le opere esposte ha avuto una posizione di rilievo la Madonna col Bambino in trono e due angeli del Maestro della Maddalena, un artista anonimo attivo alla fine del XIII secolo; l'opera è interessante per il particolare della dolce carezza della Madonna al piede del Bambino 

e per i tratti somatici estremamente marcati, che insieme al solenne schema compositivo, sono tipici dello stile bizantino all'epoca in voga in Toscana.
La Madonna in trono col Bambino, sei angeli, Santa Elisabetta d'Ungheria e San Ludovico di Tolosa del Maestro di Figline è rimasta visibile all'interno della vicina collegiata di Santa Maria. L'opera è considerata il capolavoro di questo pittore, attivo all'inizio del Trecento e dunque contemporaneo di Giotto, di cui assimila alcune innovazioni stilistiche pur mantenendo un linguaggio estremamente personale. Il magnifico trono sembra sovrastare le figure della Vergine e dei Santi: la sua struttura, caratterizzata da un gioco di concavità e rientranze e da piccoli sostegni a forma di leone, allude al trono di Salomone.
Per la scultura si possono citare il piccolo ma intenso Crocifisso ligneo della Pieve di San Pietro a Cascia, presso Reggello e la lastra tombale con insegne araldiche della chiesa di Sant'Agata in Arfoli, sempre nel Comune di Reggello.
Tra i principali pezzi dell'esposizione era sicuramente il Trittico di San Giovenale, capolavoro giovanile di Masaccio e straordinaria testimonianza dell'incipiente rivoluzione rinascimentale, datato 23 Aprile 1422.
La mostra è stata fondamentale per promuovere la conoscenza storica del territorio figlinese e limitrofo e della sua vivacità culturale.
 
Arte a Figline. Dal Maestro della Maddalena a Masaccio, catalogo della mostra (Figline Valdarno 2010), a cura di A. Tartuferi, Firenze 2010.

StampaEmail