• Home
  • Archivio
  • "ALESSANDRO PIERONI DALL’IMPRUNETA E I PITTORI DELLA LOGGIA DEGLI UFFIZI”
Flag of France.svg   Flag of Germany.svg   Flag of the United Kingdom.svg

“FRANCESCO GRANACCI E GIOVANNI LARCIANI ALL’ORATORIO DI SANTA CATERINA ALL’ANTELLA”

granacci larcianiMostra 14 Settembre 2013 - 12 Gennaio2014, Ponte a Ema, Bagno a Ripoli, Oratorio Santa Caterina dell'Antella

Con l'undicesima mostra della serie "La città deli Uffizi" l'Oratorio di Santa Caterina all'Antella ha potuto rafforzare il suo legame storico e artistico con tutto il territorio ripolese con la mostra "Francesco Granacci e Giovanni Larciani all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella".
L'esposizione è gravitata attorno ai due pittori rinascimentali Francesco Granacci e Giovanni Larciani, che sono da riconsiderare quali artisti di grande qualità e ingegno. Granacci è famoso per la sua amicizia col giovanissimo
Michelangelo, per averlo instradato alla bottega del Ghirlandaio, ma la sua opera personale non ha mai goduto della giusta attenzione e lo stesso vale per Larciani, solo da poco individuato nella sua identità anagrafica grazie ad una ricerca archivistica che lo ha riportato agli onori della cronaca.
Entrambi sono pittori poco noti, ma che in questa occasione hanno potuto mostrare le loro peculiari qualità come autori di una grande e sicura pittura animata da fermenti inquieti e spunti capricciosi, che sembrano predire l'avvento della Maniera fiorentina.
Una delle opere di spicco all'interno della mostra sicuramente è stato il Ciborio di Rosano attribuito a Giovanni di Lorenzo Larciani e Giovanni di Alessio detto Nanni Unghero, degli anni venti del Cinquecento, in legno intagliato e dorato proveniente dal Monastero di Santa Maria di Rosano; da ricordare è inoltre la Madonna col Bambino tra San Donnino e il Beato Gherardo di Villamagna proveniente dalla Pieve di San Donnino a Villamagna in cui incuriosisce il particolare delle ciliegie miracolose del Santo.
Il dialogo intimo che si è istaurato tra le opere di Larciani e Granacci e le opere naturalmente presenti all'interno dell'Oratorio di Santa Caterina ha stimolato la volontà di scoprire l'origine del gesto pittorico, dell'ispirazione, delle storie, e dei paesaggi che trovano forma e colore nei capolavori esposti e ha dato l'opportunità di indagare due artisti che meritano di avere un pubblico fuori da magazzini dimenticati.

Francesco Granacci e Giovanni Larciani all'Oratorio di Santa Caterina all'Antella, catalogo della mostra (Bagno a Ripoli 2013), a cura di L. Aquino e S. Giordani, Firenze 2013.

StampaEmail