La Rotta

Pur essendo il Valdarno una terra ricca di tesori artistici, fino a pochi anni fa era andata dimenticata la sua importanza in tempi remoti; grazie al sito della Rotta, sottoposto a quattro campagne di scavo tra il 2000 e il 2004, è tornata alla luce l'antica e fiorente origine di Figline con il ritrovamento delle tracce di un insediamento etrusco appartenuto a personaggi di rango elevato, come dimostrano non solo i frammenti ceramici, ma anche i resti di decorazione architettonica fittile, che portano a ipotizzare la presenza di almeno un edificio di rappresentanza, come attestato in altri distretti dell'antica Etruria. Particolarmente significativo anche il lungo periodo di occupazione del sito, che ha conosciuto fasi di vita dall'VIII al I sec. a.C. circa. L'abitato etrusco era inoltre ben inserito all'interno della rete commerciale che collegava Il Mediterraneo e l'Etruria meridionale perciò questo ritrovamento è stato fondamentale per ricostruire una storia antica e florida del territorio.

StampaEmail