Castelluccio

thumb O 72 scavi castelluccio di rignano 4Il sito incastellato, i cui ruderi occupano oggi l'area di un piccolo uliveto nella tenuta rignanese della Fattoria di Pagnana, è stato identificato come il centro fortificato facente capo ai signori di castello detti nepotes Rainerii, famiglia di antica origine fiorentina legata alla più grande stirpe comitale dei Guidi.
Il piccolo insediamento, attestato per la prima volta in un documento scritto del 1086 come castellum de rengnano, controllava gran parte del territorio circostante. La particolare posizione, l'altura che domina uno dei possibili attraversamenti dell'Arno in corrispondenza della viabilità che collegava fin dall'antichità il Valdarno alla piana fiorentina, ne fa uno dei punti chiave di un territorio strategicamente e precocemente rivendicato dalla città di Firenze durante i secoli centrali del Medioevo.
La comprensione dei fenomeni storici che determinarono il successo, l'abbandono e la completa trasformazione di questi particolari tipi di insediamento, piccoli castelli che, proprio durante i secoli centrali del Medioevo, modificarono profondamente l'aspetto delle nostre campagne, è alla base di un Progetto di ricerca dell'Università di Firenze, in cui il Castelluccio di Rignano rappresenta il 'sito-guida'. È qui che da anni gli studenti di archeologia si formano nella pratica dello scavo e nello studio dell'edilizia medievale. Si riconoscono, infatti, nei resti degli edifici di epoche diverse messi in luce durante gli scavi, le tracce materiali delle vicende hanno trasformato profondamente il primitivo castello signorile.

StampaEmail